Risultati finanziari di Recordati nel 2019, utile netto +18%

Bene anche l’Ebitda e i ricavi internazionali. I risultati consolidati consuntivi dell’esercizio 2019 saranno sottoposti per approvazione al Consiglio di Amministrazione del 18 marzo 2020

I risultati finanziari di Recordati nel 2019 hanno evidenziato elementi molto positivi per l’azienda italiana, soprattutto nell’utile netto con un +18%. Il Consiglio di Amministrazione della Recordati ha esaminato i risultati consolidati preliminari dell’esercizio 2019 e gli obiettivi per il 2020. I risultati consolidati consuntivi dell’esercizio 2019 saranno sottoposti per approvazione al Consiglio di Amministrazione del 18 marzo 2020.

I risultati principali

I ricavi consolidati, pari a 1.481,8 milioni di euro sono in crescita del 9,6% rispetto all’anno precedente. I ricavi internazionali crescono del 10,7%. L’Ebitda è pari a 544 milioni, anch’essa in crescita del 9% rispetto al 2018, con un’incidenza sui ricavi del 36,7%. Anche gli utili segnano il più. Quello operativo (465,3 milioni di euro) è in crescita del 5,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con un’incidenza sui ricavi del 31,4%. Quello netto (368,9 milioni di euro) è in crescita del 18,1% rispetto al 2018, con un’incidenza sui ricavi del 24,9%. Il beneficio totale è di 35,3 milioni di euro di cui 27 relativi agli anni precedenti e 8,3 relativi al 2019. Escluso il beneficio relativo agli anni precedente l’utile netto sarebbe di € 341,9 milioni, in crescita del 9,4% e con un’incidenza sui ricavi di 23,1%. Infine la posizione finanziaria. Quella netta al 31 dicembre 2019 evidenzia un debito netto di 902,7 milioni di euro che si confronta con un debito netto di 588,4 milioni al 31 dicembre 2018. Nel periodo sono state distribuiti dividendi per 190,9 milioni. Inoltre, è stata fatta un’importante acquisizione e ottenute licenze di nuovi prodotti per un valore complessivo di circa 425 milioni.

[continua…]

EMA, nuove limitazioni a uso ciproterone per rischi tumore
Cancro: L’adroterapia può essere una valida alternativa alla radioterapia?

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde