Recordati: i risultati consolidati al 30 giugno 2019

Il Consiglio di Amministrazione della Recordati S.p.A. ha approvato la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2019.

Principali risultati consolidati

• I ricavi consolidati, pari a € 743,3 milioni, sono in crescita del 6,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I ricavi internazionali crescono del 6,9%.
• L’EBITDA (1) è pari a € 279,3 milioni, in crescita del 7,4% rispetto al primo semestre 2018, con un’incidenza sui ricavi del 37,6%.
• L’utile operativo è pari a € 242,6 milioni, in crescita del 4,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con un’incidenza sui ricavi del 32,6%.
• L’utile netto, pari a € 174,3 milioni, è in crescita del 6,1% rispetto al primo semestre 2018, con un’incidenza sui ricavi del 23,4%.
• La posizione finanziaria netta (2) al 30 giugno 2019 evidenzia un debito netto di € 610,9 milioni che si confronta con un debito netto di € 588,4 milioni al 31 dicembre 2018. Il patrimonio netto è pari a € 1.071,4 milioni.

Commenti dell’Amministratore Delegato

“I risultati ottenuti nel primo semestre dell’anno evidenziano la continua crescita del Gruppo”, ha dichiarato Andrea Recordati, Amministratore Delegato. “Inoltre, sono state intraprese importanti iniziative per la crescita a livello mondiale delle nostre attività dedicate ai trattamenti per malattie rare.

Oltre alla licenza esclusiva per Juxtapid® nel Giappone, nel mese di luglio è stato firmato un accordo per l’acquisizione di due prodotti, Signifor® e Signifor® LAR®, e un prodotto innovativo in fase di registrazione, l’osilodrostat, per malattie rare di origine endocrinologico. Questa acquisizione è un passo importante per il raggiungimento degli obiettivi del nostro piano triennale, sia per l’opportunità rappresentata dall’ulteriore crescita di Signifor®, che per il significativo potenziale di crescita di osilodrostat a livello mondiale. I due prodotti insieme, a regime, potrebbero generare vendite di oltre $ 200 milioni,” ha continuato Andrea Recordati. “Tenuto conto del positivo andamento del primo semestre e del contributo dei nuovi prodotti acquisiti, sono state riviste le nostre previsioni economiche per l’anno 2019.

Prevediamo, quindi, di realizzare ricavi compresi tra € 1.460 milioni e € 1.480 milioni, un EBITDA compreso tra € 535 e € 545 milioni, un utile operativo compreso tra € 460 e € 470 milioni e un utile netto compreso tra € 330 e € 335 milioni.”

antipertensivo, antifiammatorio e collirio ritirati dal mercato
Dal Sud al Nord, la migrazione sanitaria rappresenta 4,6 miliardi di euro

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde