Pfizer, Roche, AstraZeneca e J&J: pesanti accuse di finanziamento al terrorismo

Quattro colossi farmaceutici dovranno rispondere dell’accusa di aver pagato tangenti per vincere contratti sanitari in Iraq ma non è tutto qui: avrebbero finanziato alcuni terroristi nel corso della guerra.

L’insolita denuncia è stata presentata nel 2017 e respinta tre anni dopo da un giudice della corte distrettuale degli Stati Uniti a Washington, DC. Questa settimana però una corte d’appello degli Stati Uniti ha annullato la decisione precedente, una mossa che costringerà Pfizer, AstraZeneca, Roche e Johnson & Johnson a tornare in difesa.

In una dichiarazione congiunta, le società hanno negato qualsiasi tipo di illecito: “ulteriori procedimenti dimostreranno che le società non sono in alcun modo responsabili”, hanno affermato a Reuters.

Leggi l’articolo tradotto in italiano da Google

Leggi l’articolo originale in lingua inglese

Le scoperte scientifiche decisive per il 2021 secondo Nature
Farmaci: Weekly Update del 9 gennaio

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde