Pfizer, Gilead e Gsk: mercato delle malattie infettive da 150 miliardi di dollari

Pfizer, Gilead e Gsk si preparano a conquistare una fetta significativa del mercato delle malattie infettive, stimato raggiungere i 150 miliardi di dollari entro il 2029. Un recente rapporto di GlobalData evidenzia che queste tre aziende farmaceutiche saranno responsabili del 62% delle vendite totali di farmaci per malattie infettive nel periodo compreso tra il 2023 e il 2029.

Pfizer, nonostante il calo delle vendite dei vaccini per il Covid-19, compensa con l’aumento delle vendite della terapia Paxlovid per l’infezione da Sars-Cov2 e il suo vaccino Prevnar contro la malattia pneumococcica.

Gilead, invece, baserà la sua crescita sulle vendite dei prodotti per l’HIV, in particolare grazie al farmaco Biktarvy, che è previsto porterà guadagni per 92 miliardi di dollari tra il 2023 e il 2029.

Gsk punta sulla presentazione di due nuovi farmaci di successo nei prossimi anni: il vaccino contro l’herpes zoster Shingrix e il farmaco contro l’HIV Dovato. Le previsioni indicano vendite per 41 miliardi di dollari per Shingrix e circa 20 miliardi di dollari per Dovato tra il 2023 e il 2029.

 

Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali: viaggiare si può secondo i gastroenterologi AIGO
I brand pharma sono i più visti in TV negli USA

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde