Scontro tra titani: Moderna fa causa a Pfizer

Moderna e Pfizer hanno dominato il mercato dei vaccini COVID-19, muovendosi all’interno di un mercato considerato “pacifico” per entrambe le aziende, almeno fino a venerdì.

Moderna ha infatti avviato una causa per violazione di brevetto negli Stati Uniti e in Germania, accusando Pfizer e il suo partner BioNTech di aver calpestato i brevetti che Moderna afferma di aver depositato tra il 2010 e il 2016.

Pfizer e BioNTech hanno raccolto decine di miliardi di dollari con il vaccino Comirnaty, quindi una vittoria per Moderna in entrambi i casi potrebbe essere piuttosto redditizia.

Moderna sta cercando di “proteggere l’innovativa tecnologia mRNA che abbiamo sperimentato, sulla quale abbiamo investito miliardi di dollari e brevettata durante il decennio precedente la pandemia di COVID-19“, ha affermato il CEO Stéphane Bancel in una nota.

Moderna ha iniziato a lavorare sulla piattaforma “fondamentale” dell’mRNA nel lontano 2010, ha aggiunto, e questo le ha permesso di sviluppare il suo vaccino contro il coronavirus Spikevax in “tempi record”.

Da parte sua, Pfizer afferma di non aver “esaminato completamente il reclamo” ma è “sorpresa dal contenzioso dato che il vaccino Pfizer/BioNTech COVID-19 era basato sulla tecnologia mRNA proprietaria di BioNTech e sviluppato sia da BioNTech che da Pfizer“.

Leggi l’articolo tradotto in italiano da Google

Leggi l’articolo originale in lingua inglese

Farmaci: Weekly Update del 28 agosto
La polipillola riduce del 30 per cento il rischio di ictus e infarto

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde