Malattie degenerative, MSD acquisisce la ricerca sui lisosomi. Affare da $576 milioni

MSD ha annunciato l’intenzione di acquisire la biotech statunitense Calporta Therapeutics con sede a San Diego, la cui ricerca è focalizzata sui farmaci che promuovono la funzione dei lisosomi per combattere le malattie legate all’accumulo tossico di determinate molecole, un problema chiave in patologie neurologiche come la malattia di Alzheimer e il Parkinson.

Come molte altre big pharma, anche MSD ha abbandonato lo sviluppo di farmaci per le malattie del sistema nervoso centrale dopo i continui fallimenti clinici della ricerca in questo ambito, ma mantiene vivo l’interesse nel settore, come dimostra la recente acquisizione. Intende valutare più a fondo se i candidati di Calporta possono essere in grado di influenzare la capacità del cervello di eliminare le proteine tossiche e di intervenire quindi sulle malattie neurodegenerative.

Interesse primario nell’Alzheimer

L’Alzheimer, in particolare, rappresenta un onere enorme tanto per i pazienti quanto per le spese sanitarie associate alla malattia. Si tratta di una importante opportunità di mercato per la prima azienda che riuscirà a mettere in commercio un farmaco efficace.

Molto di recente, una nuova analisi condotta da Biogen in accordo con la Fda su un set più ampio di dati provenienti dagli studi clinici di fase III interrotti nel marzo 2019 ha mostrato che aducanumab, un trattamento sperimentale per la malattia di Alzheimer in fase precoce, è farmacologicamente e clinicamente attivo, dimostrando un effetto dose-dipendente nel ridurre gli accumuli di proteina beta amiloide nel cervello e nel rallentare il declino clinico.

Dopo un confronto con la Fda, Biogen prevede di richiedere l’approvazione regolatoria all’inizio del 2020. Se approvato, aducanumab diventerebbe la prima terapia autorizzata per ridurre il declino clinico nella malattia di Alzheimer e sarebbe anche il primo trattamento a dimostrare che la rimozione di beta-amiloide genera benefici clinici.

[continua…]

Accordo tra ItelPharma e Lmi per produrre e commercializzare un agente diagnostico
Superbatteri, Italia ai primi posti in Europa per le antibiotico resistenze

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde