La pandemia ha davvero giovato all’industria farmaceutica?

È opinione comune che la pandemia e i vaccini abbiano giovato all’industria farmaceutica eppure i dati dimostrano che non è sempre così. I grandi big dell’industria, come Pfizer, Astrazeneca e Johnson & Johnson non hanno tratto grandi benefici in termini economici e nel corso del 2020 i rispettivi titoli hanno segnato, in sequenza, -0,8%, +0,3% e +7,9%.

Le più grandi case farmaceutiche dunque, non avevano necessità di dimostrare di essere in grado di sviluppare vaccini in tempi record per attrarre gli investitori. Anche le stesse vendite delle dosi del vaccino hanno pesato in maniera poco incisiva sui fatturati.

Al contrario, la pandemia ha saputo avvantaggiare le farmaceutiche più piccole. È il caso di aziende come Moderna e BionNTech che nel 2020 hanno registrato rialzi a tre cifre. Rispettivamente hanno incrementato il fatturato del +400% e +140%.

Il pharma trionfa nella classifica di Great place to work
Vaccini non Covid al palo. Al via la World Immunization Week

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde