Dietro front per gli investimenti di Catalent in Italia: troppa burocrazia

Catalent, multinazionale farmaceutica, ha deciso di rinunciare ad investire 100 milioni di dollari nello stabilimento di Anagni, situato nella provincia di Frosinone. La ragione è legata alla lunghissima attesa di una risposta da parte del Ministero dell’Ambiente che dopo un anno non ha fornito alcun riscontro.

Il mancato investimento porta via con sé un centinaio di posti di lavoro, insieme alla realizzazione di un centro di ricerca d’eccellenza per il comparto farmaceutico. Quest’ultimo doveva essere sviluppato insieme all’università di Cassino e Roma.

Catalent ha deciso di spostare i suoi investimenti nel Regno Unito, dove è pronta a stanziare fino a 160 milioni di dollari. Inoltre, collaborerà con l’Università di Oxford.

Comunicazione promozionale e nuovo Codice deontologico Farmindustria
USA: Informatore condannato per frode da 4,6 mln di dollari

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde