Il vaccino Covid di Oxford-Astrazeneca presenta risultati dubbi. Necessari ulteriori studi

Il vaccino di Oxford e Astrazeneca è stato il terzo in ordine cronologico ad essere annunciato, dopo Pfizer e Moderna. L’interesse nei confronti del farmaco è particolarmente elevato a causa di alcune peculiarità. Nello specifico, presenta un costo di soli 3 euro, decisamente inferiore ai trattamenti proposti dai competitor, e una facilità di conservazione elevata. Tuttavia, iniziano a sorgere alcune perplessità in seguito all’ammissione di Astrazeneca della presenza di un errore causale che ha portato a dei cambiamenti nel dosaggio previsto.

L’azienda è stata accusata di scarsa trasparenza a differenza di Pfizer e Moderna che hanno divulgato i protocolli legati ai risultati delle sperimentazioni con il dovuto anticipo. Il comportamento di Astrazeneca ha suscitato dure reazioni da parte della comunità scientifica minando la fiducia nell’affidabilità dei risultati comunicati.

AIFA limita l’uso di remdesivir. Consentita idrossiclorochina solo in studi clinici randomizzati
Istat: la pandemia ha aumentato i divari nel mondo del lavoro

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde