Gilead compra la biotech americana Forty Seven, affare da $4,9 miliardi

Con un esborso di $4,9 miliardi in cash, Gilead ha acquisito la biotech californiana Forty Seven per rafforzare la sua presenza in oncologia. Fondata nel 2015, Forty Seven  deve il suo nome al CD47 una immunoglobulina che agisce come un segnale “non mangiarmi” per i macrofagi del sistema immunitario. Ciò ha reso il CD47 un potenziale bersaglio terapeutico in alcuni tumori e, più recentemente, per il trattamento della fibrosi polmonare.

Il farmaco in fase più avanzata nella pipeline di Forty Seven è magrolimab, un anticorpo monoclonale diretto contro il CD47 che è progettato per interferire con il riconoscimento del CD47 da parte del recettore SIRPα sui macrofagi, bloccando così il segnale “non mangiarmi” utilizzato dalle cellule tumorali per evitare di essere ingerito dai macrofagi. Magrolimab, che si trova in Fase II in diversi studi, viene valòutato anche in combinazione con azacitidina, atezolizumab e rituximab.

L’azienda sta sviluppando magrolimab per il trattamento di pazienti affetti da sindromi mielodispalstiche (SMD), leucemia mieloide acuta (LMA), linfoma non Hodgkin, cancro alle ovaie e carcinoma colorettale. Magrolimab ha ottenuto la designazione Fast Track dalla FDA per il trattamento di SMD e LMA, e per il trattamento del linfoma diffuso a grandi cellule B recidivato o refrattario (DLBCL) e del linfoma follicolare, due forme di linfoma non Hodgkin a cellule B.

In piccoli studi e in polòolazioni altamente pretrattate, il farmaco ha mostrato un tasso di risposta del 50% del farmaco nella sindrome mielodisplastica e un tasso di risposta completa del 40% nella leucemia mieloide acuta.

“Questo accordo si basa sulla presenza di Gilead in immuno-oncologia e aggiunge un potenziale significativo alla nostra pipeline clinica”, ha commentato l’amministratore delegato di Gilead, Daniel O’Day.

Gilead è entrata in oncologia nel 2017 con l’acquisto da 11,9 miliardi di dollari di Kite Pharma, attraverso il quale ha ottenuto la terapia CAR-T Yescarta (axicabtagene ciloleucel). “Magrolimab completa il nostro lavoro esistente in ematologia, aggiungendo un programma di terapia non cellulare che integra la pipeline di Kite di terapie cellulari per i tumori ematologici”, ha detto O’Day, aggiungendo “con un profilo che si presta alle terapie combinate, magrolimab potrebbe potenzialmente avere benefici trasformativi per una serie di tipi di tumore”.

La US Food and Drug Administration ha approvato il primo generico di Daraprim (pirimetamina). per il trattamento della toxoplasmosi.
Coronavirus. “Negli altri Paesi Ue il problema è stato sottostimato, non siamo gli ‘untori’ d’Europa." L'intervista a Walter Ricciardi 

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde