Esserre Pharma e Perrigo siglano accordo di partnership nel cardiometabolico

Esserre Pharma, giovane azienda impegnata nel settore nutraceutico, amplia il suo percorso di internazionalizzazione grazie a una partnership strategica con Perrigo, tra i più grandi produttori al mondo di prodotti consumer self-care

Il 2020 è un anno importante per Esserre Pharma. Dopo sei anni di impegno nella ricerca e nello sviluppo di prodotti nutraceutici evidence-based volti a rispondere alle esigenze specifiche di ottimizzazione della salute e del benessere delle persone, l’azienda italiana sigla con Perrigo un accordo di licenza e fornitura per la distribuzione in 26 paesi europei del suo prodotto brevettato per la gestione di elevati livelli di colesterolo.
La partnership rappresenta per Esserre Pharma un esempio di open innovation e sviluppo internazionale. Per il settore della nutraceutica italiana, l’accordo di parternariato con Perrigo rinforza il trend positivo del settore rispetto l’intera economia. Secondo i termini dell’intesa, Esserre Pharma distribuisce in Italia il prodotto – coperto da brevetto – con il nome commerciale di Colber®, un nutraceutico a base di estratti di bergamotto, carciofo e fitosteroli, mentre Perrigo lancerà lo stesso prodotto con marchio differente.

Grazie a questa partnership, Esserre Pharma è in grado di ampliare la struttura organizzativa aziendale, per far fronte ad un incremento dei processi di lavoro. Diventa, così, un’azienda dal respiro internazionale con cuore e testa italiani, che resta fedele al territorio di appartenenza pur riuscendo ad avere la flessibilità necessaria per fronteggiare i continui mutamenti del mercato.

“Siamo partiti nel 2013 con un progetto ambizioso che andava oltre la commercializzazione di nutraceutici”, spiega il CEO di Esserre Pharma, Amedeo Squillace. “Il nostro – continua – era ed è tuttora, un progetto più ampio che punta alla promozione di stili di vita più sani ed equilibrati in un’ottica di ottimizzazione della salute e del benessere, considerando il trend d’invecchiamento della popolazione italiana”. Abbiamo fatto un passo alla volta – chiarisce Squillace – concentrandoci su piccoli traguardi e credendo fortemente nelle risorse che il nostro paese può offrire, dalle materie prime al capitale umano. Oggi abbiamo la conferma che siamo nella direzione giusta e stiamo iniziando a raccogliere i frutti di quello in cui abbiamo sempre creduto”.

“Esserre Pharma continuerà a focalizzarsi sulla ricerca, sulla collaborazione con enti di ricerca e università e sullo sviluppo di prodotti evidence – based”, conclude la Responsabile R&D Costanza Riccioni.

ESSERRE PHARMA

Esserre Pharma è un’azienda italiana attiva nel settore nutraceutico, con sede a Roma. Nata nel 2013 dall’esperienza farmaceutica e galenica della famiglia Squillace, è dedita da sempre alla ricerca, allo sviluppo e alla distribuzione di soluzioni innovative volte a rispondere alle esigenze specifiche di ottimizzazione della salute e del benessere delle persone. Esserre Pharma sviluppa e commercializza integratori alimentari, realizzati per rispondere alla crescente richiesta di wellness dei consumatori e alla necessità di individuare nella prevenzione primaria, un modello di contenimento alternativo dei costi del Sistema Sanitario Nazionale (SSN).

PERRIGO

Perrigo, con oltre 5.5 miliardi di dollari di vendite, è oggi tra i più grandi produttori al mondo di farmaci da banco e fornitore di prodotti OTC. Fondata nel 1887 negli Stati Uniti, è attualmente presente in oltre 35 paesi. In Italia sono presenti oltre 10 milioni di prodotti dell’azienda con marchi di successo locali e internazionali tra cui Bronchenolo, XL-S, Restivoil, Ymea, Bio-Oil, Lactacyd, Optalidon, Vectavir, Niquitin, Verecolene, Efferdent e Wartner.

Esserre Pharma. For a healthy society, in a healthy planet.

Rosaria Sirianni – Ufficio stampa

eFarma.com si apre agli investitori e annuncia l’ingresso di Finbeauty nel capitale
EMA: Linfoma diffuso a grandi cellule B, approvazione europea per polatuzumab vendotin

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde