Eli Lilly vende due asset cinesi alla Eddingpharma per 375 milioni

L’accordo stretto tra la multinazionale americana Eli Lilly e la cinese Eddingpharma, prevede la vendita di due antibiotici, il cefacloro e la vancomicina oltre allo stabilimento produttivo di Suzhou, in Cina. Eddingpharma pagherà un totale di 375 milioni per migliorare il suo posizionamento sul mercato dopo le precedenti acquisizioni dei diritti di un antitumorale per cancro al seno da Gsk e l’accordo commerciale per la molecola contro i rischi cardiovascolari con Amarin.

Il presidente della Eli Lilly, Lilly China Julio Gay-Ger, ha affermato che questa decisione strategica non si configura in un calo delle attenzioni sul mercato cinese, bensì ad un cambio di focalizzazione su nuove terapie in aree maggiormente strategiche.

Continua la ricerca che rivoluzionerà la cura per il diabete
Contratti di consulenza leciti ma poco accettabili

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde