Diasorin: accordo con Ttp per lo sviluppo di una soluzione molecolare Point-of-care

Le due società hanno siglato un accordo di licenza esclusiva e di trasferimento di tecnologia, in base al quale DiaSorin avrà accesso a una piattaforma per l’automazione dell’analisi diagnostica direttamente sul campione clinico

DiaSorin e Technologic and product development (Ttp), società attiva  nello sviluppo di tecnologie e prodotti, hanno siglato un accordo di licenza esclusiva e di trasferimento di tecnologia, in base al quale DiaSorin avrà accesso a una piattaforma, di proprietà di Ttp, per l’automazione dell’analisi diagnostica direttamente sul campione clinico.

L’accordo

A quanto pare, l’accordo, si legge in un comunicato diffuso dalla società, conferma la strategia di DiaSorin di individuare una piattaforma Point-Of-Care (POC) sulla quale possa essere utilizzata l’offerta di test di DiaSorin molecular, fornendo ai pazienti risultati diagnostici in meno di 15 minuti attraverso una soluzione tecnologica semplice ed economica.

La piattaforma di TTP si basa sull’utilizzo di una cartuccia monouso contenente tutti i reagenti necessari per l’esecuzione del test diagnostico su tecnologia molecolare Pcr. DiaSorin prevede di commercializzare il primo test disponibile su questa nuova piattaforma negli Stati Uniti entro il 2023.

Tipologia di esami

Secondo gli esperti, gli esami diagnostici Point-Of-Care includono tutti i test eseguibili in strutture vicine al paziente, quali i reparti di pronto soccorso, gli ambulatori, gli studi medici, le cliniche, le farmacie, le residenze assistite e il domicilio stesso del paziente.

Decentralizzazione

Si prevede che circa il 15-25% dell’attuale volume di test eseguiti nei laboratori molecolari centralizzati sarà oggetto di decentralizzazione a causa della crescente diffusione delle malattie infettive e della necessità di ridurre i tempi che intercorrono tra la diagnosi e il trattamento finale. Il mercato, inoltre, necessita sempre più di maggiori efficienze per ridurre i picchi stagionali dei volumi di test effettuati e contenere, al tempo stesso, i costi associati al personale di laboratorio.

[continua…]

Coronavirus, muore a 61 anni Ivo Cilesi, il medico che curava i malati di Alzheimer
Coronavirus. Patto trasversale per la scienza stima 350 ricoverati in terapia intensiva entro il 5 marzo

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde