Corden Pharma in crisi, chiesti 192 esuberi

La multinazionale annuncia il licenziamento del 40 per cento del personale dell’impianto di Sermoneta (Latina), escludendo l’utilizzo di ammortizzatori sociali. Incontro al ministero del Lavoro, con sciopero di otto ore e presidio davanti alla sede di via Flavia

Licenziati e basta, senza neanche il sostegno degli ammortizzatori sociali. Sembra essere questo il destino dei 192 lavoratori (su complessivi 491 dipendenti) della Corden Pharma, azienda farmaceutica di Sermoneta (Latina). Una situazione drammatica, precipitata la settimana scorsa, che oggi (giovedì 15 novembre) si cercherà di ricondurre su binari più accettabili nel corso dell’incontro che si tiene a Roma, alle ore 10 al ministero del Lavoro. A sostegno del tavolo di crisi i sindacati hanno indetto uno sciopero di otto ore, con presidio davanti alla sede del dicastero.

I medici snobbano i vaccini per l’influenza: “Così veicolano la malattia”
ACLU: Documento segreto della CIA mostra piano per testare i farmaci sui prigionieri

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde