Chiesi chiude l’accordo per l’acquisizione dei diritti di deferiprone da Apotex

L’intesa tra le parti è stata raggiunta lo scorso novembre, mentre adesso sono stati definiti i dettagli per la chiusura definitiva dell’accordo che consentirà a Chiesi di distribuire il farmaco in tutto il mondo

Il gruppo Chiesi ha chiuso l’accordo per l’acquisizione dei diritti a livello mondiale del deferiprone (nome commerciale ferripox), dai canadesi di Apotex (tramite la controllata americana ApoPharma Usa. L’intesa tra le parti è stata raggiunta lo scorso novembre, mentre adesso sono stati definiti i dettagli per la chiusura definitiva dell’accordo che consentirà a Chiesi di distribuire il farmaco in tutto il mondo. In precedenza, il gruppo emiliano distribuiva il farmaco solo in Italia, Brasile e Turchia.

Deferiprone, a cosa serve

Il deferiprone è indicato per il trattamento di pazienti con sovraccarico di ferro trasfusionale a causa di sindromi da talassemia. Si tratta di un gruppo di rare condizioni ematologiche ereditarie di cui fa parte anche la beta talassemia.

I termini dell’accordo

Dal punto di vista societario, come prevede l’accordo, entreranno a far parte di Chiesi  circa 50 dipendenti di ApoPharma, che permetteranno l’apertura di uffici a Toronto, in Canada. “Le nostre aziende vantano oltre 20 anni di collaborazione di successo su questo farmaco ha dichiarato Michael Spino, presidente di Chiesi Canada. ” Il team di ApoPharma rafforzerà il piano di Chiesi per lo sviluppo di questo farmaco nel recinto delle malattie rare”.

[continua…]

Fidia: partnership commerciale con Novartis Italia nell’oftalmologia
Farmaci usati in combinazione aumentano l'antibiotico-resistenza

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde