AstraZeneca potenzia terapie cellulari e investe in Cellectis

AstraZeneca ha annunciato un significativo aumento della sua partecipazione in Cellectis, il produttore francese di terapie cellulari, con un investimento aggiuntivo di 140 milioni di dollari. Questo incremento fa parte di un accordo più ampio per lo sviluppo di farmaci genetici per varie malattie.

Secondo i termini dell’accordo, AstraZeneca acquisterà 28 milioni di azioni Cellectis a un prezzo di 5 dollari ciascuna, rappresentando un premio del 67% rispetto al prezzo di chiusura del venerdì precedente. Con questa mossa, AstraZeneca deterrà una partecipazione totale del 44% in Cellectis. Inoltre, due dirigenti di AstraZeneca entreranno a far parte del consiglio di amministrazione di Cellectis.

L’investimento rientra in un accordo di partnership più ampio siglato tra le due aziende lo scorso novembre, che prevede lo sviluppo di fino a 10 terapie geniche e cellulari per il cancro, l’immunologia e le malattie rare. Ogni programma potrebbe portare a pagamenti di milestone da 70 a 220 milioni di dollari per Cellectis.

Questo accordo è un importante impulso finanziario per Cellectis, specializzata in terapie cellulari derivate da donatori per il trattamento del cancro. L’azienda ha stretto collaborazioni con importanti player del settore farmaceutico e questa partnership con AstraZeneca potrebbe accelerare ulteriormente lo sviluppo di nuove terapie.

La mossa di AstraZeneca evidenzia il suo impegno nel settore delle terapie cellulari e la volontà di diversificare le sue opzioni terapeutiche per affrontare una varietà di malattie. La partnership con Cellectis rappresenta solo una delle molte iniziative intraprese da AstraZeneca nel campo delle terapie cellulari e genetiche.

Strategie per ottimizzare Brand Pharma maturi: la visione di IQVIA
Inappropriatezza Prescrittiva: le soluzioni proposte da Slow Medicine ETS

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde