Amazon alla conquista del mercato sanitario

Il colosso della tecnologia sta mettendo in atto la sua strategia per l’ingresso nel mercato sanitario, i critici avvertono che il profitto arriverà prima della tutela dei pazienti e della loro privacy. Il mese scorso l’assistente digitale a controllo vocale di Amazon Alexa avrebbe iniziato a utilizzare le informazioni del sito Web del NHS per rispondere alle domande sulla salute.

Gli entusiasti prevedevano che avrebbe alleviato la pressione sui medici di medicina generale. I critici lo hanno visto come un segnale di privatizzazione strisciante e di un disastro della protezione dei dati.  Gli analisti delle tecnologie sanitarie con sede negli Stati Uniti affermano che l’accordo con il NHS e gli UK è solo l’ultimo di una serie di mosse recenti che rivelano un’audace strategia a lungo termine da parte di Amazon.

Dal suo ingresso nel redditizio mercato dei farmaci da prescrizione, allo sviluppo di strumenti di intelligenza artificiale per analizzare le cartelle cliniche dei pazienti, fino alle app Alexa che gestiscono il diabete, agli esperimenti basati sui dati economici, volti a monitorare la spesa per vedere come tagliare le spese mediche e rendere più efficienti i sistemi Amazon viaggia a vele spiegate. La determinazione del gigante globale da 900 miliardi di dollari a fare del digitale nell’assistenza sanitaria una parte centrale del suo futuro modello di business sta diventando sempre più chiara.

[continua…]

 

EMA: comunicazione su Picato (ingenolo mebutato)
Farmaci, le opacità dei colossi industriali sulla formazione dei prezzi

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde