Veklury di Gilead è sconsigliato ai pazienti Covid in terapia intensiva secondo uno studio di ESICM

Remdesivir di Gilead, ora noto come Veklury, è forse il farmaco più utilizzato per il trattamento dei pazienti Covid-19 a livello globale. Tuttavia, non mancano alcuni dubbi legati alla sua effettiva efficacia. Secondo Jozef Kesecioglu, presidente della European Society of Intensive Care Medicine (ESICM), non dovrebbe essere somministrato a pazienti ricoverati in terapia intensiva.

Gilead di contro ha dichiarato di sentirsi fiduciosa nel fatto che i professionisti impegnati in prima linea nella lotta al Covid riconoscano i benefici clinici di Veklury. ESICM rappresenta però migliaia di medici di terapia intensiva in più di 100 paesi, pertanto le raccomandazioni ed i dubbi esposti potrebbero incidere sulla riduzione dell’utilizzo di remdesivir.

Leggi l’articolo tradotto in lingua italiana da Google

Leggi l’articolo originale in lingua inglese

Bozza della legge di Bilancio. In arrivo due manovre a sostegno della sanità
Veneto: in arrivo il primo test Covid “fai da te”

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde