Vaccino Covid presso i medici di famiglia: facciamo il punto

Il sistema che prevede la possibilità di ricevere il vaccino anti-Covid presso gli studi dei medici di famiglia non prende piede. Gli Hub vaccinali, le dosi numericamente esigue e il fenomeno dei no vax tra gli operatori non consentono al meccanismo di funzionare a regime.

Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo), interviene per chiarire la situazione. Anelli specifica che i medici di famiglia sono pronti per intervenire in supporto alla campagna vaccinale ma non sono ancora stati messi nelle condizioni adeguate al fine di poterlo fare concretamente.

Al momento, i medici di famiglia intervengono in situazioni molto rare, come è il caso delle vaccinazioni ai soggetti più anziani o ai pazienti fragili.

AIFA: aggiornamento sugli effetti collaterali dei vaccini Janssen, Comirnaty e Spikevax
Corte UE su direttiva medicinali e diritto degli Stati membri

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde