Vaccino anti-Covid entro la primavera 2021. La situazione attuale

Secondo Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità e componente del Comitato tecnico scientifico, già a partire dalla primavera del 2021 sarà possibile somministrare il vaccino a persone fragili, forze dell’ordine e personale medico.

Anche il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha comunicato nei giorni scorsi tramite Facebook che entro fine anno arriveranno in Italia le prime dosi del vaccino somministrabili già da gennaio. Le tempistiche ipotizzate trovano conferma da Guido Rasi, direttore esecutivo dell’Agenzia europea del farmaco (Ema) il quale aggiunge che nel migliore degli scenari per l’estate 2021 saranno disponibili a tutti.

La corsa verso il vaccino anti-Covid si sta sviluppando a livello internazionale. Numerosi sono gli studi giunti in fase sperimentale. Troviamo in testa la Cina con ben 23 test seguita dagli Stati Uniti con 12. Tra le aziende più vicine all’autorizzazione sembrano distinguersi Pfizer e AstraZeneca che prevedono di poter distribuire il farmaco rispettivamente nei mesi di novembre e dicembre.

10mila test sierologici in un giorno nelle farmacie dell’Emilia-Romagna: “un modello virtuoso”
Informazione Scientifica: potenziamento presenza sul territorio per Boehringer Ingelheim - Bruno farmaceutici

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde