Vaccini COVID-19: partono i primi trial su larga scala

Moderna e Pfizer/BioNtech hanno annunciato la partenza dei trial su larga scala per i rispettivi candidati vaccini per il COVID-19. Sono i primi candidati a entrare nella fase avanzata e verranno entrambi testati su circa 30 mila persone.

All’annuncio della partenza dei trial, le azioni di Moderna sono aumentate del 9%, quelle di Pfizer dell’1,6% e quelle di BioNTech del 4,2%.

Entrambi i candidati si basano sulla tecnologia dell’RNA messaggero, che consente uno sviluppo e una produzione più rapidi rispetto ai tradizionali metodi di messa a punto dei vaccini.

Pfizer ha annunciato che, se lo studio avrà esito positivo, potrebbe richiedere l’approvazione normativa già a ottobre per essere pronta a fornire 100 milioni di dosi del vaccino entro la fine dell’anno, e arrivare a 1,3 milioni di dosi entro il 2021.

Secondo quanto ha dichiarato Stephane BancelCEO di Moderna, la biotech USA punta a produrre produrne 500 milioni-1 miliardo all’anno, a partire dal prossimo anno.

Per quanto riguarda le alte big pharma impegnate nella messa a punto del vaccino contro il COVID, Johnson&Johnson, nel corso di questa settimana, dovrebbe partire con un nuovo studio per arrivare alla sperimentazione di fase avanzata già a settembre. AstraZeneca inizierà il trial su larga scala entro l’estate.

Approvazione europea per 5 nuove indicazioni della formulazione sottocutanea di infliximab messa a punto da Celltrion
Con il Covid in farmacia più vitamine e meno 'pillola blu'

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde