The Science of CAR T-cells: on line il nuovo Quaderno di PharmaStar

Se ne parla ormai da un pò di tempo e hanno conquistato già tanti titoli di giornale, generando attese e speranze. Sono le CAR T-cells, una terapia antitumorale innovativa e rivoluzionaria, che in alcuni casi ha già permesso di raggiungere risultati straordinari in pazienti affetti da alcuni tipi di tumori ematologici.

Alla luce del fortissimo interesse sulle CAR T-cell, PharmaStar pensato di realizzare un Quaderno dedicato proprio a queste terapie così nuove e promettenti. Il Quaderno, che consta di 204 pagine, è suddiviso in cinque sezioni e contiene 26 capitoli più 9 interviste ad alcuni dei più qualificati ematologi italiani. Un comodo menù interattivo in fondo a ogni pagina vi consentirà un’agevole navigazione.

Nel Quaderno troverete inizialmente riassunte le principali domande alle quali PharmaStar ha cercato di dare risposta con questa iniziativa editoriale e un capitolo di ripasso sul sistema immunitario, in quanto le CAR T-cells agiscono proprio a questo livello, rappresentando, a tutti gli effetti, una forma di immunoterapia. Racconta, inoltre, la storia alla base di questa rivoluzione, come vengono prodotte le CAR T-cells e quali sono le attuali applicazioni cliniche e le prospettive di ricerca. Senza dimenticare la gestione degli eventi avversi, che in alcuni casi possono essere particolarmente gravi.

Troverete poi una sezione dedicata alle cinque CAR T-cells ‘industriali’ già approvate o in fase più avanzata di sviluppo, delle quali vengono descritti i principali studi clinici condotti finora o in corso, e i risultati ottenuti. Per ciascuna di esse, abbiamo inserito anche un’intervista al direttore medico della relativa azienda, con l’obiettivo di dare voce allo sforzo industriale.

Link per scaricare il Quaderno di PharmaStar

[continua…]

Diabete: Rapporto Arno, stabili da cinque anni i numeri della malattia
Caso Avastin-Lucentis, indagati dirigenti Aifa per danno erariale da 200 milioni di euro

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde