Tamponi rapidi presso mmg e pediatri in fase di ufficializzazione. Cosa cambia?

In fase di ufficializzazione la nuova procedura che prevede la possibilità di effettuare tamponi rapidi presso medici di base e pediatri. Si attende già nella giornata di oggi la convocazione dei sindacati da parte di Sisac per la stipulazione di un accordo che andrà ad essere inserito all’interno dell’Atto d’indirizzo del Comitato di Settore Regioni-Sanità, approvato dal Ministro della Salute Roberto Speranza.

Il Ministero della Salute ha inoltre comunicato che, probabilmente già all’interno del Decreto Ristoro, è previsto lo stanziamento di 30 milioni di euro fino al 31 dicembre 2020 destinati alla remunerazione dei medici. È prevista infatti una remunerazione di 12 euro se il tampone viene effettuato al di fuori dello studio e 18 se effettuato all’interno.

L’accesso da parte dei pazienti al servizio è consentito previo triage telefonico e su prenotazione, con possibilità di effettuare il tampone a domicilio.

Ok di Aifa alla commercializzazione del radiofarmaco Sodio Floruro 18F
Presidente Farmindustria Scaccabarozzi: no al modello a silos

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde