Sorelle Angelini in guerra per il controllo del colosso farmaceutico

La Procura di Velletri ipotizza che la figlia più piccola, insieme al marito,abusando dell’infermità del padre, lo abbiano indotto a sottoscrivere numerosi atti

È guerra fra le figlie di Francesco Angelini, fondatore dell’omonimo colosso della farmaceutica italiana produttore di farmaci come Tachipirina, Moment, Amuchina, e prodotti come i pannolini Pampers. Una vicenda che è arrivata ad aprire una inchiesta giudiziaria Francesco Angelini, 74 anni, è affetto da una “malattia degenerativa del sistema nervoso che determina demenza, amnesia, confusione mentale, cambio di personalità improvviso” e altri sintomi causata da una “dipendenza ultraquarantennale da alcol e psicofarmaci“, motivo per cui da tempo si è ritirato dall’azienda, passando il controllo alla sua terzogenita Thea Paola Angelini, 34 anni non ancora compiuti.

Proprio questa successione al comando del Gruppo però, ha fatto emergere dissidi interni alla famiglia, soprattutto tra le tre sorelle, figlie dello stesso padre ma con madri diverse. Una guerra per l’eredità con il “dante causa” ancora in vita? Non proprio, perché, come scrive il Fatto Quotidiano, riprendendo il Corriere della Sera, la vicenda è finita in tribunale e le accuse in campo sono tutt’altro che di second’ordine. A fronteggiarsi sono in realtà due delle tre sorelle, la più piccola Thea, ora detentrice della maggioranza delle quote nonché vicepresidente esecutivo di Angelini, e la secondogenita Maria Gioella Angelini, 48 anni. Quest’ultima ha infatti denunciato la sorella minore e suo marito Sergio Marullo di Condoianni, 42 anni, vicepresidente e amministratore delegato, per il reato di circonvenzione d’incapace.

Del caso si sta occupando la Procura di Velletri che ipotizza che i due, marito e moglie, “abusando dei rapporti di parentela e affinità, nonché dello stato di infermità e deficienza psico-fisica di Angelini Francesco, lo abbiano indotto a sottoscrivere numerosi atti anche di disposizione patrimoniale dannosi per lo stesso Angelini e gli altri eredi. Il tutto mediante violenze morali e coazioni psichiche, nonché violenze fisiche consistite nella indebita somministrazione di medicinali tranquillanti, e nello stressarlo emotivamente nei periodi immediatamente successivi a ricoveri ospedalieri dell’Angelini”, come scrive il Corriere.

A dare il via alle indagini è stata proprio la denuncia di Maria Gioella Angelini: a quella ne sono seguite altre due, ma nel frattempo la Procura di Velletri ha svolto indagini e ha chiesto e ottenuto dal giudice dell’indagine preliminare un “incidente probatorio” sullo stato di salute dell’industriale che si terrà il prossimo 14 settembre per “accertare le condizioni psicofisiche della parte offesa Francesco Angelini, sia attuali che pregresse, al fine di verificarne la capacità di intendere e di volere, le attuali capacità cognitive e la possibilità di essere ascoltato e rendere dichiarazioni utili all’accertamento dei fatti”.

Farmaci, il colosso Sanofi indagato per “omicidio involontario”: il caso legato a medicina contro l’epilessia
Gli informatori farmaceutici fermi dal lockdown: “Tornate a farci lavorare, il nostro lavoro è fondamentale”

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde