Sicurezza online nei farmaci: rischi e consapevolezza tra consumatori italiani e spagnoli

Il progetto CAPSULE ha rivelato che solo il 53% degli annunci online di farmaci viene correttamente identificato come legale o illegale dai consumatori, evidenziando un alto rischio associato all’acquisto di farmaci substandard e falsificati (SFMs) online durante la pandemia di COVID-19. L’indagine, condotta in Italia e Spagna, ha mostrato che molti consumatori hanno difficoltà a distinguere tra annunci leciti e illeciti, sottolineando la necessità di campagne informative mirate per migliorare la consapevolezza del pubblico.

La ricerca ha evidenziato che la maggior parte degli acquirenti online di farmaci in entrambi i paesi ha visto almeno un annuncio online per farmaci, con un tasso di acquisti più alto in Italia rispetto alla Spagna. L’aumento degli acquisti online include una varietà di farmaci, dalle cure dell’influenza ai trattamenti per il dolore cronico e la gestione del colesterolo in Italia, mentre in Spagna si preferiscono prodotti per prestazioni migliorare e perdita di peso.

L’analisi ha sottolineato l’importanza di monitorare e regolare rigorosamente gli annunci e i canali di vendita online per ridurre il rischio di SFMs, supportata dalla collaborazione tra istituzioni come Transcrime, AIFA e il Centro A-CAPP, mirata a contrastare il crimine farmaceutico e proteggere la salute pubblica.

Integratori Alimentari in Italia: Innovazione, Sicurezza e Leadership nel mercato Europeo
Ue: via libera al dupilumab come trattamento aggiuntivo per la Bpco

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde