Sardegna: Informatori scientifici “Figli di un Dio minore”

I 1500 informatori scientifici della Sardegna sono gli unici in tutta Italia a non aver ripreso la loro attività negli ospedali: a sollevare il problema sono le categorie di settore, Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil, che hanno inviato una rischiesta di incontro urgente all’assessore alla Sanità.

“Registriamo un notevole e preoccupante ritardo da parte della Regione – hanno detto i segretari regionali Francesco Garau (Filctem), Marco Nappi (Femca) e Piero Loi (Uiltec) – sulla complessiva ripartenza del sistema sanitario e, per quanto riguarda il nostro comparto, sulle linee guida per l’attività degli operatori scientifici che rappresenta un supporto per i medici ospedalieri, non solo quelli degli ambulatori specialistici, o i medici di base e i pediatri”.

La Regione infatti, il 28 maggio ha deliberato il via libera alla ripresa dell’attività scientifica negli studi professionali e ambulatori degli specialisti, dei medici di medicina generale e dei pediatri, ma non ha sdoganato l’attività di informazione scientifica in ambito ospedaliero, provocando l’interruzione di un servizio di pubblico interesse finalizzato al corretto uso dei medicinali e inibendo la sua funzione di farmacovigilanza e di informazione sulle variazioni delle schede tecniche dei farmaci.

“Stiamo parlando di 1500 professionisti della salute altamente qualificati, che si trovano già in condizioni di difficoltà economica per il lungo lockdown e che ora hanno urgente necessità di riprendere a pieno ritmo la loro attività”, hanno detto Garau, Nappi e Loi, sottolineando l’importante ruolo svolto dagli operatori nell’informare la classe medica sul corretto utilizzo dei medicinali: “Una attività che ha necessità, come tante altre di pari importanza, di essere svolta in presenza con tutte le tutele e i protocolli necessari”.

Il mercato delle Big del pharma aumenta di valore, più 50 miliardi nel primo semestre 2020
Truffa farmaci Lombardia, indagato presidente Snam Bedin, ex ad dell'ospedale S. Raffaele

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde