Oncologia: discrepanze tra profilo pazienti coinvolti negli studi e contesto reale

Un recente studio condotto in Italia ha rivelato significative discrepanze tra i pazienti coinvolti negli studi clinici oncologici e quelli trattati nella pratica clinica reale. L’analisi, condotta da Aifa (Agenzia italiana del farmaco) e Aiom (Associazione italiana di oncologia medica), ha sottolineato come il contesto della pratica clinica presenti spesso differenze sostanziali rispetto a quanto osservato durante la sperimentazione clinica iniziale.

I dati, pubblicati su The Lancet regional health europe, hanno messo in evidenza come i pazienti trattati nella pratica clinica tendano ad essere più anziani e con condizioni fisiche più complesse rispetto ai partecipanti agli studi clinici.

Inoltre, è emerso che gli studi clinici tendono ad escludere le popolazioni più vulnerabili, preferendo un approccio prudente. Queste differenze sollevano importanti interrogativi sull’efficacia e la sicurezza dei trattamenti oncologici, sottolineando la necessità di una ricerca più inclusiva e rappresentativa per garantire risultati clinicamente significativi.

Droni per consegna farmaci: progetti pilota di Amazon e Leonardo in Abruzzo
Farmacia dei servizi: le novità del ddl Semplificazioni

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde