OMS: lavorare più di 55 ore a settimana aumenta il rischio di morte

L’Organizzazione mondiale della sanità e l’Organizzazione internazionale del lavoro si sono espresse in maniera chiara: avere ritmi di lavoro elevati, che superano le 55 ore a settimana, aumenta il rischio di morte per malattie cardiache e ictus. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Environment International.

Questo fenomeno si è acutizzato nel corso della pandemia Covid-19. Il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, sostiene che “il telelavoro è diventato la norma in molti settori, spesso offuscando i confini tra casa e lavoro.   Inoltre, molte aziende sono state costrette a ridimensionare o chiudere le loro attività per risparmiare denaro e le persone che continuano a impiegare finiscono per lavorare più a lungo ore”.

Secondo la ricerca, che ha coinvolto centinaia di migliaia di partecipanti, lavorare 55 ore o più a settimana è associato a un aumento di circa il 35% del rischio di ictus. Cresce anche del 17% il rischio di morte per cardiopatia ischemica.

In arrivo per l'estate il farmaco anti Covid italiano
ReiThera ricerca nuove fonti di finanziamento per proseguire con la fase III

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde