Nota 96: consumi e spesa dei farmaci a base di Vitamina D ridotti del 33%

A dodici mesi dall’applicazione della Nota 96, Aifa osserva una diminuzione del 33% dei consumi e della spesa dei farmaci a base di Vitamina D per un valore di circa 110 milioni di euro. La fascia d’età che ha registrato una maggiore riduzione dei consumi è quella che va dai 40 ai 50 anni. La distribuzione tra le regioni è eterogenea. Non si registrano di contro aumenti dei consumi e della spesa di farmaci analoghi non presenti in Nota.

La Nota 96 è stata pubblicata il 28 ottobre 2019 da Aifa per ridefinire le condizioni che consentono la prescrizione e presa in carico del Servizio Sanitario Nazionale dei farmaci a base di vitamina D classificati in fascia A, ovvero rimborsabili dal SSN. Con l’introduzione della Nota 96 possono essere prescritti a pazienti maggiorenni ed esclusivamente per la prevenzione o il trattamento di carenza della Vitamina D.

Creato dal MIT un modello di AI in grado di rilevare il Covid attraverso un colpo di tosse e tramite app
Regione Basilicata ha riconosciuto agli Isf la qualifica di operatori sanitari

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde