Menarini accusata di spionaggio industriale, i vertici negano

La filiale francese del gruppo farmaceutico italiano Menarini è accusata di aver ottenuto dei documenti confidenziali appartenenti a case farmaceutiche concorrenti. I vertici di Menarini negano però il carattere dei documenti e l’accusa a loro mossa.

Secondo quanto scrive su Mediapart il giornalista francese Yann Philippin, la filiale francese di Menarini avrebbe ottenuto dei documenti confidenziali sulla composizione dei farmaci dei concorrenti Takeda (Giappone) e Sanofi (Francia) tra il 2012 ed il 2013.

Crescono le vendite dei farmaci a prescrizione, proiezioni 2018 - 2024
Federfarma chiede ad Aifa l'estensione del blocco alle esportazioni per altri farmaci mancanti

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde