L’evoluzione del ruolo del Farmacista dopo la pandemia

Il ruolo del farmacista ha subito forti spinte verso il cambiamento nel corso degli ultimi mesi, diventando sempre più consulente e non solo figura operativa.

Negli Stati Uniti, per esempio, il Dipartimento della Salute ha rilasciato autorizzazioni di emergenza ai farmacisti, consentendo loro di ordinare e fare test per il Covid e di somministrare vaccini ai bambini di età compresa tra i 3 e i 18 anni.

Si tratta dunque di un ruolo destinato secondo molti ad espandersi, esplorando anche altri ambiti. Sempre negli USA infatti, secondo un sondaggio condotto da CMI, è emerso che l’interesse verso il marketing ed i social media da parte dei farmacisti è in forte crescita. I dati raccolti evidenziano tra i farmacisti un incremento del 52% relativo all’utilizzo dei social per accedere a dati di studi clinici e un +41% per la gestione delle comunicazioni con i pazienti.

Nasce AssoHealth, l'associazione delle agenzie di comunicazione healthcare
Quali innovazioni tecnologiche aiuteranno gli Informatori?

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde