Le best practice dei farmacisti ospedalieri e delle aziende sanitarie per la fase 2 di Covid

L’emergenza sanitaria, assistenziale e sociale collegata alla pandemia COVID.19 sta proponendo situazioni e statistiche meno drammatiche rispetto alle scorse settimane, anche grazie alle azioni coordinate e congiunte avviate da AIFA, Regioni e Aziende produttrici, interventi a cui anche la Società Italiana di Farmacia Ospedaliera e dei servizi farmaceutici delle Aziende Sanitarie (SIFO) ha contribuito efficacemente.

All’inizio di questa “Seconda Fase” del periodo pandemico, SIFO prosegue quindi con le attività già avviate tempestivamente nelle settimane scorse, mantenendo alta l’attenzione sulle problematiche che riguardano in modo specifico la quotidianità di farmacisti ospedalieri e dei servizi territoriali. Si tratta delle attività della RETE NAZIONALE SIFO-EMERGENZA COVID-19
(https://www.sifoweb.it/sifo-covid-19-link.html) volte sia a raccogliere segnalazioni di problematiche sul territorio che a esprimere e condividere best practice e istruzioni operative per la gestione di dispositivi, preparati galenici e attività di farmacia clinica.

Le problematiche riguardanti i farmaci sono decisamente ridotte e rispecchiano gli aggiornamenti periodicamente comunicati da AIFA, anche alla luce della considerazione che laddove le strutture territoriali si sono correttamente interconnesse segnalando i propri fabbisogni con il centro, i disagi collegati all’iniziale picco di consumi sono stati tempestivamente ridotti.

Nel concreto oggi la Rete sta continuando a raccogliere segnali di problematiche riguardanti soprattutto i Medical devices: questi segnali raccolti dalla Rete vengono messi a fattor comune perché possono diventare elemento prezioso per tutto il Sistema Sanitario Nazionale, permettendo di attivare azioni tempestive.

Dal lato pratico la Rete si presenta nel formato di un periodico Report territoriale: ecco dunque in questo periodo le Criticità e le Best practice che possono essere messe all’attenzione da parte della Rete SIFO.

[continua…]

Dispositivi di protezione individuale “in deroga”: solo il 4% supera l’esame Inail
Al via [email protected], nuovo servizio di Takeda Italia che porta i farmaci nelle case dei pazienti

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde