La top 10 dei farmaci più venduti nel 2025: il leader indiscusso sarà Keytruda

L’anticorpo monoclonale umano adalimumab (Humira, AbbVie) perderà a breve lo scettro di farmaco più venduto al mondo per via dell’aumento della concorrenza e del suo brevetto in scadenza anche negli Usa, mentre pembrolizumab (Keytruda, Merck) si appresta a diventarne il successore. Il passaggio del testimone della prestigiosa classifica tra i farmaci più venduti a livello mondiale è stata stilata dalla società Global Data e ha subito fatto il giro del mondo.

Adalimumab ha realizzato entrate per oltre 20 miliardi di dollari nel 2018, un risultato che l’ha reso il prodotto con il maggior fatturato a livello mondiale. Entro il 2023 avrà però perso la protezione brevettuale negli Stati Uniti (In Europa il brevetto è già scaduto) e le entrate cominceranno a diminuire sensibilmente, per effetto dell’azione dei suoi biosimilari. Ad esempio, a novembre 2018 la Fda statunitense ha approvato una versione biosimilare di Sandoz, che però non potrà essere lanciata negli Usa fino al 2023 a causa del protrarsi della validità di alcuni brevetti.

Nel frattempo, pembrolizumab, un anticorpo monoclonale diretto contro il PD-1, continua la sua marcia trionfale e sta ottenendo nuove approvazioni nella terapia del cancro.  Frank Clyburn, responsabile commerciale di Merck (MSD in Italia), ha dichiarato che «in breve tempo Keytruda è diventato un trattamento di base per molti tumori. Abbiamo studi in corso su 25 diversi tipi di cancro e il nostro farmaco sta cambiando il modo in cui i pazienti oncologici oggi vengono trattati».

[continua…]

AbbVie cede piattaforma per lo sviluppo di attivatori Nrf2 (e fa una exit da 850 milioni)
Farmaci: 3 cessate commercializzazioni

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde