La riserva cognitiva ci protegge dalle forme di demenza

Esperienze di vita diversificate sembrano costituire un efficace antidoto contro le forme di demenza. Si parla di riserva cognitiva ovvero il bagaglio di risorse celebrali accumulate nel corso della vita che permettono al cervello umano di affrontare le problematiche causate dall’avanzamento dell’età.

I meccanismi biologici di questa preziosissima riserva non sono ancora chiari. Emerge ad ogni modo la correlazione tra una vita attiva e impegnata e la resilienza del cervello all’invecchiamento, prevenendo o ritardando il declino cognitivo.

Se nei primi anni di età non mancano stimoli mentali grazie al contributo dell’istruzione scolastica e in età adulta l’attività lavorativa mantiene la mente impegnata, in fase avanzata, soprattutto dopo il pensionamento, è importante continuare ad allenare il nostro cervello.

Covid: forme gravi sviluppate anche per cause genetiche
Cagliari: informatori scientifici, psicologi e docenti rifiutano il vaccino AstraZeneca

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde