Integratori Alimentari in Italia: Innovazione, Sicurezza e Leadership nel mercato Europeo

Il 2 luglio a Milano si è svolto l’evento di presentazione della terza edizione della Review “Integrazione alimentare: stato dell’arte e nuove evidenze scientifiche”. Partecipanti di spicco inclusi Germano Scarpa, presidente di Integratori & Salute, e Arrigo F. G. Cicero, presidente della Società Italiana di Nutraceutica (SINut), hanno enfatizzato l’importanza cruciale degli integratori alimentari per la salute e la prevenzione primaria, sottolineando gli elevati standard produttivi italiani e la loro sicurezza paragonabile a quella dei farmaci.

Standards Produttivi e Sicurezza degli Integratori in Italia

Arrigo F. G. Cicero ha evidenziato che gli integratori alimentari in Italia sono regolati secondo le Good Manufacturing Practice (GMP) dei farmaci, garantendo qualità e sicurezza attraverso normative stringentemente applicate. Questo approccio conservativo nella definizione delle soglie di utilizzo assicura un elevato grado di tutela per i consumatori italiani, con una produzione guidata da tecnologie all’avanguardia per migliorare l’assorbimento e la biodisponibilità degli integratori.

Italia: Leader nel Mercato Europeo degli Integratori

L’Italia si conferma come il principale mercato europeo degli integratori alimentari, rappresentando il 26% del fatturato totale, seguita da Germania e Francia. La farmacia emerge come il canale di vendita predominante, generando il 77,9% del valore complessivo, con probiotici e sali minerali tra i segmenti più significativi. Questi dati confermano il ruolo centrale dell’Italia nell’industria degli integratori, trainata da una forte domanda e da una robusta infrastruttura produttiva e distributiva.

Vitamina D: nuove linee guida
Sicurezza online nei farmaci: rischi e consapevolezza tra consumatori italiani e spagnoli

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde