Informatore Scientifico del Farmaco. Perché è importante ‘ibridizzare’ la figura

la lettera del Presidente di Fedaiisf, Dott. Antonio Mazzarella, ci induce ad un paio di considerazioni ulteriori rispetto a quanto esposto nel nostro studio. Il piacere per una replica così autorevole e dettagliata, come quella svolta dal dottor Mazzarella, non elimina, anzi, acuisce l’interesse per qualche nota a margine rispetto ai tanti punti su cui le opinioni nostre e del Presidente divergono.

A volere giungere subito al nocciolo della divergenza, si ha la sensazione che la convinzione esposta dal Dott. Mazzarella secondo cui l’ISF avrebbe un profilo “chiaro” non tenga adeguatamente conto di tre profili: il primo riguarda l’ambivalenza del dettato legislativo che all’art. 112 del d.lgs. 24 aprile 2006 n. 219 parla di “lavoro”, senza alcuna qualificazione ulteriore, il secondo concerne la posizione assunta da tempo dalla Corte di Cassazione e dalle Corti di merito (dalla risalente sentenza del Trib. Firenze 12 luglio 1985 in Giustizia Civile, 1985, I, pag. 2861 alla recente pronuncia del Trib. Milano, 30 dicembre 2015 in Rassegna di Diritto Farmaceutico, 2016, 1, 29 vi è un filo ininterrotto di pronunce sulla autonomia del rapporto dell’informatore), il terzo ha ad oggetto la prassi contrattuale che da tempo depone nella direzione dell’ammissibilità di un ISF-agente ed, in molti casi, di un ISF-procacciatore.

[continua…]

L’EMA riesamina i medicinali a base di ranitidina a seguito dell’individuazione di NDMA
Proposta contratto "ibrido" per gli ISF: la controreplica di Fedaisf

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde