G20 Salute: sì unanime al Patto di Roma

Il Patto di Roma è stato approvato all’unanimità. La riunione Ministeriale Salute del G20 si è conclusa dopo due giorni di incontri. Il frutto del lavoro svolto si articola in un documento composto da 33 punti, in cui si conferma la volontà di diversificare ed intensificare la capacità produttiva in riferimento ai vaccini e su scala globale, regionale e locale. L’obiettivo è quello di sviluppare competenze per i Paesi a basso e medio reddito.

Inoltre, si accoglie con favore, come spiegato da Speranza, “l’hub di trasferimento della tecnologia del vaccino COVID-19 mRNA lanciato dall’OMS”. Non si parla dunque di sospensione dei brevetti. L’impegno preso è volto a supportare i paesi a basso e medio reddito nello sviluppo di una produzione dei vaccini, al momento non presente in tali territori.

Cresce il numero di persone affette da demenza
Griglia Lea: Veneto, Toscana ed Emilia Romagna nella top 3

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde