Fofi: “Gli omeopatici non possono essere dispensati come medicinali terapeutici”

La Federazione Ordini farmacisti italiani (Fofi) comunica in una circolare che “i medicinali omeopatici non hanno indicazioni terapeutiche”. Sulla base dell’art. 85, comma 2, del citato D.Lgs. 219/2006 si stabilisce che sia l’etichettatura che il foglio illustrativo di tutti i medicinali omeopatici dispensati devono obbligatoriamente riportare all’interno la dicitura “senza indicazioni terapeutiche approvate”.

I medicinali omeopatici sono definiti dall’art. 1, comma 1, lett. d) del D.lgs. 219/2006, in attuazione della direttiva 2001/83/CE come  “ogni medicinale ottenuto a partire da sostanze denominate materiali di partenza per preparazioni omeopatiche o ceppi omeopatici, secondo un processo di produzione omeopatico descritto dalla farmacopea europea o, in assenza di tale descrizione, dalle farmacopee utilizzate ufficialmente negli Stati membri della Comunità europea; un medicinale omeopatico può contenere più sostanze”.

I medicinali omeopatici non possono ad ogni modo essere equiparati a medicinali con indicazioni terapeutiche né essere dispensati come tali o in sostituzione di essi.

Vaccino anti-covid di Moderna: idoneo a registrazione Ema
Reputazione in crescita per le Farmaceutiche italiane secondo Pharma RepTrak

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde