Farmacie: in UK servizio per la gestione dei disturbi minori

Il ruolo delle farmacie e il loro crescente posizionamento in qualità di “front-office” del Sistema Sanitario Nazionale è al centro del dibattito, non solo in Italia. Come riportato da Pharmaceutical Journal, anche nel Regno Unito il numero di pazienti che si rivolgono alle farmacie per un consiglio è in crescita.

In base ad un audit del Pharmaceutical services negotiating committee (Psnc), si stima che le farmacie territoriali abbiano erogato indicazioni e consigli non remunerati per un totale di 1,2 milioni a settimana, pari a 65 milioni di consultazioni all’anno con un incremento del 29% dal 2020 al 2021.

L’80,9% di tali richieste, in base ai dati dell’audit, erano relative a pazienti che in maniera spontanea si sono presentati al farmacista. Il restante 19,7% invece, ha deciso di appoggiarsi alle farmacie in quanto impossibilitato ad accedere al Sistema Sanitario.

Depressione: farmaci ansiolitici legati al rischio di Parkinson
Premio Internazionale Fair Play Menarini

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde