Farmaci innovativi prescritti dai medici di famiglia: in autunno nuove note Aifa

A dirlo è la sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa, rispondendo a un’interrogazione parlamentare alla Camera: “Si va verso un graduale superamento degli attuali piani terapeutici”. Avviata una serie di incontri con le aziende produttrici

Entro l’autunno potrebbero arrivar note Aifa sulla prescrizione dei farmaci innovativi anti-Bpco e anti-diabete. Con l’obiettivo di aprire ai medici di famiglia, come sollecitato da più fronti in questi mesi. Lo ha spiegato la sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa, rispondendo a un’interrogazione parlamentare presentata da Italia Viva alla Camera.

L’impegno

“Rassicuro che – scrive Zampa nella risposta all’interrogazione –  vi è consapevolezza dell’importanza che vi sia un maggiore coinvolgimento dei medici di medicina generale nella prescrizione dei farmaci antidiabetici e dei farmaci respiratori indicati nel trattamento della broncopneumopatia cronicoostruttiva (Bpco)”.

Aifa, ricorda la sottosegretaria, ha già avviato un “un percorso di definizione di Note prescrittive, relative alle due categorie di farmaci citati, con l’intento di giungere ad un graduale superamento degli attuali piani terapeutici specialistici”. Allo stesso tempo, sono stati “avviati incontri anche con aziende produttrici dei farmaci antidiabetici e respiratori al fine di illustrare il percorso regolatorio che verrà seguito dall’Agenzia e di acquisire proposte da parte delle aziende stesse”.

Secondo Zampa, si può prevedere che la Commissione tecnico scientifica (Cts) dell’Aifa “prevedere dell’Aifa completi la definizione delle suddette Note entro l’autunno. Parallelamente, nei prossimi mesi, sarà avviata la rinegoziazione dei prezzi da parte del Comitato prezzi e rimborsi (Cpr) dell’Agenzia, anche in considerazione del prevedibile incremento della spesa per il Ssn a seguito dello spostamento della prescrizione in ambito di medicina generale”.

[continua…]

Vaccino Reithera, Aifa dice sì alla sperimentazione
Farmaci, il colosso Sanofi indagato per “omicidio involontario”: il caso legato a medicina contro l’epilessia

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde