Farmaci generici e le richieste del mercato dopo l’emergenza Covid ma serve una nuova governance

Secondo una ricerca di Nomisma, condotta per conto di Egualia, nei primi mesi della pandemia alcuni farmaci generici tra cui rocuronio, cisatracurio, midazolam e propofol  hanno visto aumentare la loro domanda in maniera esponenziale. Solo a marzo 2020 si è registrato un incremento compreso tra il 128% e il 782% rispetto al marzo dell’anno precedente.

Tali farmaci erano in precedenza poco utilizzati all’interno delle strutture ospedaliere ma nel 2020 si sono rivelati fondamentali soprattutto per i reparti di terapia intensiva. Emergono dunque diversi spunti di riflessione ed in particolare l’importanza del farmaco equivalente nel sistema sanitario nazionale e il valore della “biodiversità di produzione” per far fronte alle diverse emergenze. Trattandosi di farmaci poco utilizzati fino al presentarsi della pandemia, si sono conseguentemente rivelati di difficile reperibilità ponendo l’attenzione sulle difficoltà legate alle catene di approvvigionamento.

Femca Cisl: equiparare figura di Isf a Operatori Socio Sanitari e accesso prioritario ai vaccini
AIISF Sardegna: presentata interrogazione a risposta scritta per ottenere somministrazione del vaccino agli Isf

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde