Farmaci generici e biosimilari: il report di Egualia

Il mercato italiano dei farmaci generici-equivalenti ha mostrato segni di stagnazione nel 2022. Sebbene il numero di confezioni vendute sia aumentato rispetto all’anno precedente, la percentuale del mercato in termini di valore è diminuita a causa della crescita dei farmaci brandizzati. Gli italiani hanno speso più di un miliardo di euro per i farmaci brand off patent, che sono più costosi ma non rimborsati completamente dal sistema sanitario nazionale.

Il Rapporto annuale del Centro studi Egualia sul mercato italiano dei farmaci generici evidenzia che gli equivalenti rappresentano il 29% del mercato totale dei farmaci fuori brevetto, mentre il restante 71% è detenuto dai brand a brevetto scaduto. Il valore del mercato dei generici-equivalenti è di circa 1,6 miliardi di euro, di cui l’82% è rimborsabile dal sistema sanitario nazionale.

A livello regionale, l’uso dei generici-equivalenti è più diffuso al Nord, con percentuali più basse al Centro e al Sud. Le regioni con la maggiore incidenza di consumi di generici-equivalenti sono Trento, Friuli Venezia Giulia e Piemonte, mentre le regioni con la minore incidenza sono Calabria, Campania e Sicilia.

Carenza farmaci: le proposte per tornare al "Made in Europe"
Acquisto integratori: farmacia canale principale ma online in crescita

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde