EMA, nuove limitazioni a uso ciproterone per rischi tumore

Nuove restrizioni all’uso del ciproterone, un farmaco ad attività anti-adrogena impiegato per una serie di patologie, dall’irsutismo all’acne.

Il medicinale, infatti, ad alte dosi è stato associato ad un aumento del rischio di meningioma, un raro tumore cerebrale. La novità arriva dall’Ema (Agenzia europea dei medicinali).

Il comitato per la sicurezza dell’Agenzia (Prac) ha infatti raccomandato che i medicinali con dosi di ciproterone giornaliere di 10 mg o più dovrebbero essere usati per condizioni dipendenti dagli androgeni come irsutismo, alopecia, acne e seborrea una volta che altre opzioni di trattamento, incluso il trattamento con dosi più basse, sono fallite. Una volta che le dosi più alte hanno iniziato a funzionare, il dosaggio “deve essere gradualmente ridotto fino ad arrivare alla dose minima efficace”. Non solo, questi medicinali “devono essere usati per ridurre il desiderio sessuale nelle deviazioni sessuali maschili solo quando altre opzioni terapeutiche non sono adatte”.

Nessun cambiamento, invece, in caso di terapia contro il cancro alla prostata. Le raccomandazioni seguono una revisione sul rischio di meningioma.

Phrama Kronos – 17 febbraio 2020 – n°30 – anno 14

18 nuovi farmaci in commercio
Risultati finanziari di Recordati nel 2019, utile netto +18%

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde