È morto Angelo De Rita

Apprendiamo dai canali social la morte del collega Angelo De Rita, una persona che ha dato molto per la categoria degli ISF, battendosi a tutti i livelli, per un riconoscimento giuridico della professione di ISF e di un relativo Albo.

Chi lo ha conosciuto lo ricorda così:

“Strenuo difensore dell’identità degli Informatori, Presidente Onorario dell’AIISF ex ANCSIF al quale dobbiamo tutte le normative legislative inerenti la categoria. Con lui ho partecipato all’impegmo associativo per il raggiungimento dell’obbiettivo dell’ORDINE degli ISF sia come Pres.Sezionale, Pres.Regionale e Consigliere Nazionale ma poi per divergenze e diverse visioni della politica associativa ci siamo allontanati nel momento della fondazione di FEDERISF. Sicuramente molti di voi non ne avranno mai sentito parlare ma credetemi si deve a lui l’identità dell’informatore come categoria e gruppo.”

Fabio G.

“Ho avuto modo di apprezzare la sua umanità, la sua profonda conoscenza delle problematiche della categoria, la sua preparazione, le sua estenuante battaglia, di cui ne ho condiviso l’intento, per il riconoscimento giuridico e l’istituzione dell’ordine professionale degli ISF. Sarà difficile rassegnarsi alla sua scomparsa ma un ricordo affettuoso e indelebile resterà nei nostri cuori. Ciao Angelo e condoglianze ai familiari.”

Gianni R.

Angelo De Rita

“Onore ad Angelo De Rita! Tutta la nostra categoria ne piange la scomparsa. E’ stato un grande uomo che lottò con tutte le sue forze, assieme all’AIISF, per il riconoscimento dei diritti dell’Informatore Scientifico del Farmaco. Ho avuto l’onore di conoscerlo e frequentarlo personalmente in occasione dei tanti congressi nazionali dell’AIISF. Una volta partecipò anche ad una nostra assemblea sezionale ad Avellino. Erano, quelli, anni molto delicati, e già si delineava uno scenario abbastanza preoccupante per il nostro futuro lavorativo. La nostra lotta per il riconoscimento dell’Albo degli Informatori Scientifici del Farmaco è stata sempre ferocemente contrastata a tutti i livelli, e le intuizioni di Angelo, il suo acume, le sue proposte, sono purtroppo restate inascoltate. Con lui se ne va il nostro più strenuo difensore, un lottatore instancabile, ma soprattutto una persona seria, onesta, umile. Un amico. Ciao Angelo, che la terra ti sia lieve…”

Franco A.

Ci uniamo ai pensieri dei colleghi e al dolore dei familiari per la perdita del loro / nostro caro Angelo

J&J lancia lo spray per chiudere le emorragie durante interventi chirurgici
Competenze digitali: le aziende farmaceutiche a caccia di talenti

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde