COVID-19, vaccino italiano: è partita la fase I di sperimentazione

È partito ieri, con la prima inoculazione, il trial clinico di fase I del candidato vaccino italiano contro il COVID-19. L’Istituto Spallanzani di Roma, nelle prossime settimane, testerà GRAd-COV2 – sviluppato da ReiThera, biotech con sede a Roma – su 90 volontari sani.

Francesco Vaia, direttore sanitario dello Spallanzani, ha fatto sapere che il primo volontario è stato monitorato per quattro ore dopo la somministrazione ed è poi tornato a casa, dove sarà tenuto in osservazione per 12 settimane.

“Vedremo se il vaccino produce effetti collaterali e se produce anticorpi neutralizzanti”, ha detto Vaia, aggiungendo che la seconda fase del test si svolgerà in paesi con tassi di infezione più elevati, come Messico e Brasile.

Takeda sigla collaborazione per la NASH del valore massimo di $500 mln
Biogen: da FDA priority review per aducanumab (Alzheimer)

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde