Cosa pensano gli italiani delle industrie farmaceutiche?

I temi legati al mondo della sanità sono ormai sotto i riflettori dell’opinione pubblica. Ma cosa pensano gli italiani dell’industria farmaceutica? A svelarlo è un’indagine di Alnylam Pharmaceuticals in collaborazione con Quorum/YouTrend, denominata “L’industria farmaceutica. Conoscenze, percezioni dopo un anno di pandemia”.

Sono state effettuate oltre 1.500 interviste CATI volte a misurare il livello di fiducia verso le aziende che sviluppano e commercializzano i farmaci. Per il 71,8% dei rispondenti il parere è positivo soprattutto per quanto riguarda il riconoscimento dell’importanza della Ricerca e Sviluppo e l’affidabilità dei medicinali prodotti.

Per il 21,6% degli intervistati invece l’opinione è negativa. La ragione principale dietro a questo tipo di valutazione è, per l’81,3%, legata all’idea che il profitto sia il motore principale che muove le farmaceutiche. Per il 44,7% invece, la sfiducia espressa è legata ad una mancanza di responsabilità sociale.

Sandoz di Novartis acquista gli antibiotici di GSK
Farmaci: weekly update del 21 febbraio

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde