Corruzione nella aziende sanitarie. A che punto siamo in Italia?

Secondo un’analisi di React, all’interno delle aziende sanitarie vi è una carenza di competenze specifiche per analizzare correttamente il rischio corruttivo. Giuseppe Busia, Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione ed Enrico Coscioni, Presidente dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (AGENAS), sottolineano inoltre la centralità della collaborazione tra tutti gli attori coinvolti al fine di prevenire efficacemente la corruzione.

L’indagine di React ha coinvolto 4mila dipendenti del sistema sanitario, dalla quale è emerso che solo 1 dipendente su 20 è a conoscenza dell’esistenza di Piani anticorruzione e dei codici di comportamento. Oltre alle problematiche evidenziate, proprie del sistema di comunicazione verso i dipendenti delle aziende sanitarie, vi è inoltre una richiesta di trasparenza da parte della società civile per quanto riguarda la gestione delle risorse.

Super accordo da 1,3 miliardi tra Novartis e Artios Pharma
Partnership tra UCB e Microsoft per la scoperta di nuovi farmaci

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde