Coronavirus: Positivi al test un uomo di 38 anni, la moglie e un amico nel lodigiano.

Gallera: “Stiamo rintracciando le altre persone entrate in contatto. I cittadini di Castiglione d’Adda e Codogno restino a casa”.

In continua evoluzione la situazione. Stanotte la notizia del primo test positivo sul 38enne di Castiglione d’Adda ricoverato all’ospedale di Codogno in terapia intensiva. Ora la notizia che sono positivi anche la moglie e un loro stretto conoscente, ambedue ricoverati al Sacco di Milano. Da quello che si sa al momento il 38enne potrebbe aver incontrato un amico di ritorno dalla Cina lo scorso gennaio. L’assesore invita i cittadini dei due comuni coinvolti a restare a casa ed evitare contatti sociali. Ulteriori dettagli saranno forniti in mattinata in una conferenza stampa dall’assessore alla Sanità lombardo.

Un italiano di 38 anni di Castiglione d’Adda è stato trovato positivo al test del nuovo coronavirus ed è ricoverato all’ospedale di Codogno in provincia di Lodi in terapia intensiva assistito da un’equipe del Sacco di Milano. Le sue condizioni sarebbero gravi e al momento non è stato ancora trasferito al nosocomio milanese. La notizia è stata data dall’assessore alla Sanità della Lombardia Giulio Gallera.

“Le persone che sono state a contatto con il paziente – ha detto l’assessore – sono in fase di individuazione e sottoposte a controlli specifici e alle misure necessarie”.

“Potrebbe essere un contagio asintomatico, i nostri tecnici stanno investigando per capirlo. Adesso il paziente è in isolamento al Sacco. Per isolamento adesso si intende anche il proprio domicilio, con una serie di precauzioni per tutte le persone che sono entrate in contatto con il paziente. Stiamo approntando tutte le misure necessarie, coordinandoci con il Ministero della Salute”, ha detto poi l’assessore ad Agorà su Rai 3.

[continua…]

Un cerotto intelligente per insulina grande quanto una moneta potrà gestire il diabete?
USA: nel pharma resiste la pubblicità di farmaci diretti al consumatore

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde