Cardiologia, arriva l’acido acetilsalicilico da 75 mg in softgel che fa bene al cuore

A partire da gennaio 2020, sarà disponibile anche in Italia una nuova formulazione di acido acetilsalicilico da 75mg in capsule molli che unisce il basso dosaggio di principio attivo alla formulazione in softgel. Il farmaco è stato sviluppato dalla società svizzera Ibsa.

L’utilizzo di acido acetilsalicilico (ASA) per la prevenzione degli eventi cardiovascolari (CV) è sostenuto da un consenso universale nei soggetti in prevenzione secondaria e, al tempo stesso, si stanno delineando spazi di utilizzo in alcune categorie di soggetti in prevenzione primaria.

L’acido acetil salicilico ha dimostrato, all’interno di studi clinici controllati, di avere un’attività anti-trombotica già a basso dosaggio, cioè a dosi inferiori ai 100mg normalmente utilizzati in Italia. Il vantaggio di un basso dosaggio di ASA è a livello di protezione della mucosa gastrica, infatti, con dosi basse diminuisce il rischio di emorragia in alcuni soggetti, come per esempio i portatori di patologia gastrica o soggetti anziani.

«Quando si passa da 75mg a dosi progressivamente crescenti, non c’è un rapporto dose-risposta in termini di efficacia preventiva degli eventi cardiovascolari dell’acido acetilsalicilico, mentre aumenta il rischio di sanguinamento, del tratto gastrointestinale alto, cioè stomaco e alto intestino» spiega Pasquale Perrone Filardi, Presidente eletto della Società Italiana di Cardiologia «Quindi, l’uso dell’ASA a 75mg, è assolutamente raccomandato, sia in termini di efficacia sia di rischio emorragico, dalle ultime Linee Guida pubblicate dalla Società Europea di Cardiologia, in prevenzione primaria e in soggetti selezionati che hanno indicazione a una profilassi di prevenzione con ASA».

Oltre al basso dosaggio, il vantaggio della nuova formulazione risiede nella sua forma farmaceutica in soft gel (capsule molli). Le preparazioni farmaceutiche in capsule molli possono raggiungere il picco di concentrazione plasmatica più rapidamente e presentare una migliore biodisponibilità rispetto alle compresse. Inoltre studi sulle preferenze dei pazienti hanno riferito che le softgel sono percepite come facili da deglutire e senza sapore spiacevole.

[continua…]

Manovra, via libera dal Senato: le novità per il settore della salute
Mieloma multiplo incurabile, nuove speranze dalla CAR-T

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde