Blackout Comunicativo tra Ospedali e Territorio: 2 Milioni di Ricoveri Impropri

Un nuovo studio rivela il grave impatto del deficit comunicativo tra ospedali e servizi territoriali nel sistema sanitario italiano. Secondo la ricerca della Fadoi, solo il 15% dei pazienti ricoverati vede una consultazione tra medici ospedalieri e del territorio, mentre il fascicolo sanitario elettronico viene aggiornato solo per il 20% dei pazienti. Questo problema comporta oltre 2 milioni di ricoveri impropri all’anno, con uno spreco stimato di circa 6 miliardi di euro.

Il rapporto evidenzia che il 20% dei ricoveri è di natura “sociale”, indicando una carenza di servizi di assistenza domiciliare. La riforma della sanità territoriale, finanziata con oltre 7 miliardi di euro del Pnrr, sembra non essere la soluzione ai problemi attuali. Molti medici ritengono che le nuove strutture previste non saranno in grado di evitare ricoveri impropri e accessi impropri ai pronto soccorso.

Secondo il Presidente della Federazione Fadoi, Francesco Dentali, è necessario un intervento a livello nazionale per definire regole chiare che legano tutta la filiera del Servizio sanitario nazionale, facilitando un percorso integrato casa-territorio-ospedale-post-acuzie-riabilitazione-casa. La mancanza di una regia unificata potrebbe perpetuare il divario tra ospedali e territorio, compromettendo la qualità dell’assistenza sanitaria.

In conclusione, la ricerca sottolinea l’urgente necessità di una riforma strutturale che promuova una collaborazione stretta e coordinata tra ospedali e servizi territoriali, garantendo un trattamento adeguato e integrato per i pazienti.

Moderna pronta a Investire in Italia
Droni per consegna farmaci: progetti pilota di Amazon e Leonardo in Abruzzo

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde